La storia

foto-teatro-san-babila-interno

La costruzione del Teatro San Babila, a cura dell’architetto Mario Gottardi, risale al 1964 per volontà del Cardinale di Milano Giovanni Battista Montini, poi Arcivescovo di Milano e futuro Papa Paolo VI.

Progettato e realizzato con tecnologie d’avanguardia, fra cui l’impianto di traduzione simultanea per congressi internazionali, il San Babila si configura da subito come emblema della vitalità di Milano divenendone il Salotto ideale.

La sala del Teatro, composta da platea e galleria per una capienza totale di quattrocentosettanta posti, è concepita con un’acustica perfetta.

Sul suo palcoscenico hanno recitato i più grandi attori italiani, in passato Paolo Stoppa, Aroldo Tieri, Peppino De Filippo, Nino Taranto, Glauco Mauri, Rossella Falk, Giorgio Albertazzi, Ernesto Calindri, Lauretta Masiero, Giulio Bosetti, Enrico Maria Salerno, Renzo Montagnani, Giancarlo Sbragia, Lella Brignone, Valeria Valeri, Franca Valeri. Ai giorni nostri Paola Gassman, Paolo Villaggio, Milena Vukotic, Paolo Villaggio, Paola Pitagora, Vanessa Gravina, Alessandro Benvenuti, Lucrezia Lante Della Rovere, Massimo Dapporto e molti altri.

IL PROGETTO

Il Teatro San Babila è giunto alla settima Stagione con la gestione della Fama Fantasma Srl, diventando teatro di produzione, formazione e di residenza teatrale favorendo anche l’incontro di diverse discipline.

Il progetto prosegue attraverso la volontà di creare uno spazio teatrale che sia parte integrante del territorio contribuendo così alla ricca e crescente offerta culturale della Città di Milano.

La proposta, che coinvolge le diverse fasce di pubblico, offre spettacoli di qualità pur mantenendo i prezzi degli abbonamenti e dei biglietti non elevati, particolare attenzione è rivolta agli Studenti e Insegnanti, agli Under 30 e agli Over 65.

Oltre alla consolidata Stagione di Prosa,  prosegue la Stagione di Operetta con Orchestra dal vivo con la Compagnia di Operette Elena D’Angelo.

Dopo il successo delle stagioni precedenti continua la rassegna Sanbabyla dedicata alle famiglie.

Prosegue la Stagione di Lirica ospite con Orchestra dal vivo curata dall’Associazione Musica in Scena con quattro grandi titoli.

PROSA

Il progetto artistico per la Stagione 2019-2020 si caratterizza sulla programmazione della Stagione di Prosa composta da 8 spettacoli.

La mission fa particolare riferimento ad una ricerca teatrale drammaturgica che privilegia spettacoli che coniugano divertimento, tradizione, innovazione. Quest’anno si privilegiano autori italiani, commedie brillanti con protagonisti della scena affermati accanto a giovani promesse.

La programmazione si rivolge ad un pubblico eterogeneo. Due le Produzioni 2019-2020 del Teatro San Babila con la Compagnia formatasi qualche anno fa Due figlie, tre valigie  di Magnier e Colto in Flagrante di Benfield

OPERETTA

Grande ritorno della Compagnia di Operette Elena D’Angelo con Orchestra dal vivo, a partire da ottobre si le operette più famose, La Vedova allegra, Ballo al Savoy, Al Cavallino Bianco e per concludere La Principessa della Czarda.

Attraverso la Stagione di Operetta si mette in luce l’importanza che questa forma d’arte riveste per il Teatro San Babila. Nell’ospitalità di realtà qualificate ma, anche formate da giovani artisti si realizza una forma di teatro musicale che sviluppatasi nella seconda metà dell’Ottocento, in parte cantata e in parte recitata diverte spensieratamente, presentando storie comiche e satiriche della buona società. Il San Babila dal 2015 è diventato spazio per residenza artistica della Compagnia di Operette Elena D’Angelo con la quale ha iniziato un percorso artistico di ospitalità nel 2015 per riportare al San Babila l’Operetta nella sua forma tradizionale e originaria che prevede l’orchestra dal vivo.

LIRICA

Dopo il successo della scorsa Stagione ritorna in ospitalità l’Associazione Musica in Scena che propone la Stagione Lirica con Orchestra dal vivo, quattro grandi opere a partire da dicembre, 14 Dicembre Rigoletto di G. Verdi, a seguire il 1 Febbraio Il Barbiere Di Siviglia di G. Rossini, prosegue il 14 Marzo Cavalleria Rusticana di P. Mascagni e conclude la stagione il 4 Aprile Tosca di G. Puccini.

 

SANBABYLA – STAGIONE FAMIGLIE

Dopo il successo di pubblico della scorsa stagione prosegue la rassegna domenicale per le famiglie intitolata Sanbabyla. L’attenzione al linguaggio dei bambini e il desiderio di avvicinare le nuove generazioni al teatro con spettacoli formativi legati a temi attuali è il motore che muove la scrittura dei testi e la messa in scena.

 Ciccio Pasticcio in scena il 15 dicembre con l’immancabile appuntamento natalizio Un canto per Babbo Natale, a seguire il 2 febbraio Insieme a Peter Pan!-Il musical in cui tutto il pubblico balla! Il 15 marzo Ciccio Pasticcio e i tre porcellini e per finire il 5 Aprile Ercole e la scuola degli eroi.

Gli autori, pedagogisti di lunga esperienza, vivono il teatro credendo che questo linguaggio possa suscitare riflessioni e trasmettere emozioni coinvolgendo al contempo bambini e adulti. Sogno Teatro è una giovane compagnia di teatro per ragazzi che nasce da un progetto di coproduzione di Pepita Onlus, realtà riconosciuta in tutta Italia tra le più attente e preparate nell’ambito dei temi legati al bullismo e dell’educazione in generale, con operatori di teatro-ragazzi legati ad Altomusic srl, società di produzione spettacoli che da anni realizza rassegne e spettacoli a livello nazionale.

ALTRI APPUNTAMENTI

Nel corso della Stagione il San Babila riserverà ancora molte sorprese, a novembre la rassegna di comici dal titolo ConFini Comici, quattro coppie di appuntamenti in cui otto comici (o gruppi di comici) si risponderanno, a distanza di una sera, in ‘confronti’ che partono dalle tematiche espresse nella loro comicità o dalla propria storia artistica. Saranno coinvolti fra gli altri Davide Calgaro, Gigi e Andrea, Maurizio Lastrico, Leonardo Manera, Antonio Ornano, Rita Pelusio.
A gennaio Il Barbiere di Siviglia – Opera Pop, spettacolo ospitato, in scena a Gennaio. Lo spettacolo musicale inedito nella sua forma e allestimento, manterrà intatti i contenuti della vicenda narrata in prosa da Beaumarchais.