NON SPARATE SULLA MAMMA
dal 26 novembre all’ 8 dicembre

NON SPARATE SULLA MAMMA

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Dettagli

di Carlo Terron
scena e regia di MARCO RAMPOLDI
Nome attore
STEFANIA PEPE
ROBERTA PETROZZI
costumi FRANCESCA FAINI
regista assistente PAOLA ORNATI

Giorni & Orari

20.30
Martedì 26 novembre
15.30
Mercoledì 27 novembre
20.30
Giovedì 28 novembre
20.30
Venerdì 29 novembre
15.30
Sabato 30 novembre
20.30
Sabato 30 novembre
15.30
Domenica 1 dicembre
20.30
Giovedì 5 dicembre
20.30
Venerdì 6 dicembre
20.30
Sabato 7 dicembre
15.30
Domenica 8 dicembre

Metti tra i preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Sono là pronte, le Circi, fanno a gola tutte e le avranno loro!

  • Regia

    Marco Rampoldi

Presentazione

Sono là pronte, le Circi, fanno a gola tutte e le avranno loro!
La Clotilde e la Maura, signore perbene della Milano degli anni ’60, sono dedite al culto della maternità “anche prima degli anni roventi della menopausa”: in perenne ansia perché il proprio figlio sedicenne possa farsi male o fare delle porcherie, non possono quindi che allearsi, quando si rendono conto che i due ‘cuccioli’, sotto la spinta della natura indecente, stanno per fare il ‘grande passo’ per entrare nella vita. Soprattutto perché consapevoli che “tutte le donne sono donnacce quando si avvicinano ai figli delle altre”. E allora, “se proprio ci si deve rassegnare, che almeno la cosa non avvenga nella abiezione e nella volgarità”. E le due ‘mantidi’ affrontano il sacrificio per salvare l’una il figlio dell’altra… diventandone l’amante! Con conseguenze imprevedibili.
Non sparate sulla mamma è una commedia geniale e modernissima, scritta da Carlo Terron nella prima metà degli anni ’60, con un linguaggio ironico e attentissimo, e un dialogo costruito in una sequenza continua di battute esilaranti.
Stefania Pepe e Roberta Petrozzi affrontano con la giusta distanza, senza timore reverenziale i personaggi scritti per “vampiresse della comicità” come Lina Volonghi e Lia Zoppelli, in un autentico gioiello di un teatro italiano borghese ormai quasi perduto.

 

Durata: 100′ compreso intervallo

 

previous
CHE DISASTRO DI COMMEDIA
next
DUE FIGLIE, TRE VALIGIE