TOSCA – Evento ospite
19 MAGGIO 2018 ore 20.30

0 0
TOSCA – Evento ospite

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Giorni & Orari

20.30
SABATO

Metti tra i preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Opera pucciniana ricca di colpi di scena e di trovate che tengono lo spettatore in costante tensione

  • Regia

    Heiko Kobayashi Laval

Presentazione

EVENTO OSPITE

Una produzione

DIAMOND OPERA MANAGEMENT

TOSCA

regia di
HEIKO KOBAYASHI LAVAL

Melodramma in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Illica e Giacosa, andò in scena per la prima volta il 14 gennaio 1900 al teatro Costanzi di Roma.

Tosca
LAURA ANSALDI

Cavaradossi
GIORGIO CASCIARRI

Scarpia
VALTER CARIGNANO

Orchestra TESTORI diretta dal maestro PAOLO MARCHESE

L.A. Chorus diretto da LUISA CORSINI

Corpo di ballo ROBERTA BORELLO

Una produzione DIAMOND OPERA MANAGEMENT

E’ considerata l’opera più drammatica di Puccini, ricca com’è di colpi di scena e di trovate che tengono lo spettatore in costante tensione. Inoltre, soprattutto nel secondo atto l’orchestra pucciniana assume sonorità che anticipano l’estetica dell’espressionismo musicale tedesco.
L’opera si avvarrà della regia di Heiko Kobayashi Laval che, con il suo punto di vista, sempre nel rispetto dello spartito e della volontà dell’autore, dà la sua moderna e attualissima prospettiva.
Protagonisti del capolavoro pucciniano prodotto dalla Diamond Opera Management Laura Ansaldi nel ruolo di Tosca, Valter Carignano nel ruolo del barone Scarpia e Giorgio Casciarri nel ruolo di Mario Cavaradossi.

La trama si svolge a Roma nell’atmosfera tesa che segue l’eco degli avvenimenti rivoluzionari in Francia, e la caduta della prima Repubblica Romana in una data ben precisa: 14 giugno 1800, giorno della Battaglia di Marengo. Angelotti console dell’ex Repubblica Romana è fuggito da Castel Sant’Angelo e si rifugia nella chiesa di Sant’Andrea della Valle, dove sua sorella la Marchesa Attavanti ha nascosto degli abiti femminili che gli permetteranno di passare inosservato durante la fuga. La donna è stata ritratta senza saperlo dal pittore Mario Cavaradossi. Questi si accorge di Angelotti che conosce da tempo il quale gli rivela la propria situazione. Improvvisamente vengono interrotti dall’arrivo di Tosca, che, riconoscendo nel dipinto della Maddalena le fattezze della marchesa, fa una scenata di gelosia a Mario, che a fatica riesce a calmarla e congedarla. Angelotti esce dal suo nascondiglio e riprende il discorso con Mario che lo indirizza nella sua casa in campagna. Improvvisamente sopraggiunge Scarpia capo della polizia che sospetta fortemente di Mario. Per trovare Angelotti cerca di coinvolgere Tosca di cui è invaghito, suscitando la sua morbosa gelosia. La donna credendo alle parole di Scarpia giura di trovarli. Scarpia la fa seguire. Mentre a Palazzo Farnese Scarpia sta cenando viene condotto davanti a lui Mario che è stato arrestato. Questi si rifiuta di rivelare dov’è Angelotti e viene portato via e torturato. Giunge Tosca che stremata dalle grida di Mario confessa il nascondiglio dell’evaso. Scarpia condanna così a morte Mario. Disperata Tosca chiede a Scarpia, che sa innamorato di lei, di liberare Mario e poi acconsentirà alle sue proposte. Scarpia fa così credere a Tosca che la fucilazione sarà simulata e i fucili caricati a salve. Mentre sta scrivendo il salvacondotto che li porterà fuori dallo Stato Pontificio, Tosca aggredisce Scarpia e lo pugnala a morte. All’alba sui bastioni di Castel Sant’Angelo, Mario è pronto a morire. Scrive un’ultima lettera d’amore a Tosca che nel frattempo arriva e spiega di aver ucciso Scarpia. Lo informa della fucilazione simulata e scherzando gli raccomanda di fingere bene la morte. Ma Mario viene fucilato per davvero e Tosca inseguita dai poliziotti, che hanno scoperto la morte di Scarpia,si getta dagli spalti del castello.

Durata:  2 ore

previous
Il mito nel contemporaneo
next
VERDISSIMO – Evento ospite

Add Your Comment